Top
fade
3216
home,page-template,page-template-blog-masonry-full-width,page-template-blog-masonry-full-width-php,page,page-id-3216,eltd-core-1.0,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.2,vc_responsive

The End or the Start

Adriano descrive Roma oltre la sua essenza fisica e tangibile. Per lui Roma è un seme che già al suo tempo era germogliato vigoroso. Si manifestava nell’arte, nella cultura e nel diritto romano.
Roma per lui era come un passo avanti dell’umanità che sarebbe continuano in eterno, nelle generazioni e nelle città a venire.

“Altre Rome verranno e io non so immaginare il volto; ma avrò contribuito a formarlo….Roma vivrà. Roma non perirà che con l’ultima città degli uomini“

Città Eterna Roma, per la sua cultura e per la sua storia millenaria, eterna oggi per la tempistica di realizzazione delle sue opere pubbliche; come se l’anima di questa città si ribellasse al nuovo, come se la sua storia non volesse essere sovrascritta.

The End or the Start racconterà la storia di una delle opere più controverse della Roma moderna; la realizzazione della terza linea Metropolitana.

Back to life

Non sapevo realmente quale segreto celassero quelle ante chiuse, non immaginavo che srotolando quelle vecchie bobine oltre a riscoprire frammenti di memoria che ritenevo dispersi, avrei ritrovato anche la passione per la fotografia, e la voglia di restituire ad immagini ormai vecchie quasi mezzo secolo...

Non sapevo realmente quale seg...

Read More

Un ricordo non svanisce se esposto al sole, ma se resta per troppo tempo chiuso in un armadio

Amava molto l’arte mio padre, la pittura, la scultura, la fotografia; ho un ricordo vivissimo dell’armadio in cui custodiva le sue fotocamere, le cineprese, i suoi pennelli, di quei pomeriggi interminabili passati con la mia famiglia, proiettando centinaia di diapositive su di un grande schermo aperto in salone.

Poi è in una calda mattina d’estate, che tutto si ferma; basta dipingere, basta fotografare, per mio padre era giunto il momento di riposare.

King for a day

Ogni anno ha una storia da raccontare, ogni singolo giorno di quell’anno può essere l’inizio di un racconto lungo 365 giorni, un racconto che anno dopo anno, sbiadendo come i ricordi più lontani,  può diventare sempre più interessante, più emozionante da leggere;

Photo Project

Non sono un fotografo, è bene chiarirlo subito, ma sono convinto un’immagine per essere in grado di raccontare una storia non abbia bisogno allineamenti prospettici o giochi di sovraesposizione; sapevo cosa ci fosse dentro quell’armadio, ma per anni non ho mai trovato il coraggio di aprirlo, forse era paura di ricordare, o forse soltanto un modo, per proteggerne il suo prezioso contenuto; sapevo cosa avrei trovato dentro quelle piccole bobine, girate con una vecchia camera Super8 da mio padre, ormai quasi 40 anni fa.
Dovevo soltanto attendere che la mia voglia di dare una forma a quei ricordi sfocati, superasse la paura di vedere cose o persone, che ormai non ci sono più.